Tour Trevigiano a Sonego

La stagione 2019 sta volgendo al termine, così pure l’edizione 2019 del Tour Trevigiano. Mancano ancora due tappe, domenica  17 a Santi Angeli sul Montello e gran finale di stagione in piazza Cima a Conegliano il 24 novembre.

Sicuramente positivo il bilancio per questa innovativa formula introdotta nel mondo dell’ orienteering proprio dall’Orienteering Tarzo e dall’OrMiane ’87 una decina di anni fa. Grazie al Tour Trevigiano molte le persone che si sono avvicinate a questo sport, sia a livello agonistico, sia a livello amatoriale spesso esteso alle intere famiglie.

La gara di oggi ne è stata la più eclatante dimostrazione, circa 150 i concorrenti tra cui oltre 30 sotto i dodici anni. E’ stato bello vedere gruppi di  famigliole alla prima esperienza partire all’avventura, fianco a fianco con atleti di assoluto spessore, per provare questa stimolante esperienza, all’arrivo i più entusiasti sono stati proprio i giovanissimi, tutti sul podio con la medaglietta ricordo al collo.

Il Tour non è solo questo: la gara di oggi è stata organizzata da un inedito gruppo affiatato dell’Ortarzo che per la prima volta si è proposto di organizzare e gestire da zero una gara vera e propria: Mauro De Nadai si è improvvisato cartografo e ha rilevato, con la maestria di un veterano, la nuova cartina del ridente Borgo Sonego e dei prati circostanti, veramente un ottimo lavoro. Padrona di casa, in quanto qui residente, Francesca Uliana che ha curato e coordinato tutta la parte logistica della manifestazione realizzando personalmente anche delle splendide medaglie in legno, dipinte una ad una a mano per gli atleti sul podio. Degni di nota i tracciati di Erik Nielsen che ha saputo amalgamare l’intricato centro storico con i prati circostanti in un turbinio di intrecci che hanno valorizzato sia l’ambiente che l’aspetto tecnico della gara.

Il resto, iscrizioni, classifiche e quanto altro necessario è stato curato con disinvoltura dai giovani dell’Ortarzo. È stato bello vedere giovanissimi  come Antonio, Anna, (dieci anni), Francesco e tutti gli altri dopo aver fatto la gara, prodigarsi per aiutare a smontare e sistemare le cose. 

I risultati di oggi hanno visto Tobia Viel e Anna Carlet rispettivamente primo e seconda nel percorso bianco, Stefano Viel, secondo nel percorso nero, chiuso nella morsa dei due fratelli Davide e Daniele Martignago, incalzati da un sorprendente Riccardo Marson al quarto posto.